mercoledì 14 maggio 2014

Gnocco fritto


Pur essendo legato per tradizione ai salumi (prosciutto crudo e mortadella), lo gnocco fritto è una di quelle cose talmente buone a cui non si dice mai di no, anche se è da solo, o come in questo caso, di fianco a dei formaggi (un formaggio di capra "spalmabile" e una mozzarella)!
  Per quel che mi riguarda lo mangerei senza sosta, infatti, anche se il nome può trarre in inganno, se è fritto nell'olio alla giusta temperatura, non risulta affatto pesante.
In più l'impasto è il più semplice che possa esistere: farina, lievito, acqua e sale, non vi resta che scatenarvi!!!

Ingredienti (per 6 persone):
- 1/2  kg di farina bianca "00";
- 300 ml d'acqua tiepida;
- 25 g di lievito di birra;
- un pizzico di sale.

olio per friggere - stracchino, mozzarella, fomaggio di capra...

Fate una montagna con la farina, aggiungete il sale e impastate con l'acqua tiepida in cui avrete sciolto il lievito. Quando l'impasto è liscio e omogeneo mettetelo in una ciotola con il fondo spolverato di farina, copritelo con uno strofinaccio e lasciatelo riposare per almeno due ore in un luogo fresco e asciutto.
Su una spianatoia infarinata stendete la pasta alta circa 3 mm e con un coltello o un tagliapasta ricavate delle strisce (circa 4x20cm); versate l'olio (io uso quello di semi di girasole) in una padella e, quando è caldo, friggete gli gnocchi girandoli una volta dopo che si sono gonfiati con l'aiuto di una forchetta o di una pinza. Lasciateli asciugare sulla carta assorbente e salate.


Nessun commento: